diarrea nel cane

La diarrea nel cane

Sei alla ricerca di prodotti per una DIETA BARF SEMPLICE?

Visita lo shop online!

 

Da cosa dipende la diarrea nel cane? I cani hanno sistemi digestivi incredibilmente resilienti, certo. Possono mangiare carne cruda avariata… da bravi spazzini scovano prede marce, panini al prosciutto e rimasugli di picnic domenicali… ignorano la bella ciotola di acqua pulita e filtrata per bere dalle ​​pozze di fango! E, sebbene nella maggior parte delle volte non gli succeda nulla, chi ha un cane sa che qualche episodio di diarrea è un’evenienza tutt’altro che rara.

Non sempre è necessario correre dal veterinario, e nemmeno farsi prendere dal panico e chiedere al buon Google “Il mio cane ha la diarrea, cosa devo fare?”, perché c’è diarrea e diarrea. Esistono diarree che richiedono una visita veterinaria urgente, e diarree per le quali invece bastano consigli e rimedi di cui parleremo in questo articolo.

Ma prima facciamo un pò di chiarezza.

 

TIPI DI DIARREA  NEL CANE

La diarrea è l’aumentata frequenza nell’emissione di feci liquide o semiliquide.

E’ il meccanismo naturale che l’organismo del cane mette in atto per eliminare nel più breve tempo possibile sostanze infettive o tossiche. La naturale conseguenza dell’aumentata velocità di transito del contenuto intestinale è la liquidità delle feci.

Può insorgere improvvisamente ed essere di breve durata (diarrea acuta) o può durare per settimane o mesi (diarrea cronica).

La prima è fondamentalmente innocua; terminato il meccanismo di espulsione delle sostanze indesiderate, si esaurisce spontaneamente senza la necessità di farmaci.

Per la seconda, invece, è necessario l’intervento di un veterinario, al fine di diagnosticare e curare la malattia che causa la diarrea (molte malattie che affliggono il sistema gastroenterico, per esempio, nel loro quadro clinico possono presentare questo sintomo).

In questo articolo parliamo quindi unicamente di diarrea acuta.

 

LA DIARREA NEL CANE: QUANDO CHIAMARE IL VETERINARIO

Come già sopra specificato, nel caso di diarree croniche solamente un’accurata visita veterinaria potrà diagnosticare la malattia sottostante che scatena gli attacchi diarroici.

La diarrea acuta, invece, spesso non è una condizione allarmante.

Come accennato, potrebbe essere la conseguenza di qualche schifezza che il cane ha golosamente mangiato in passeggiata, oppure potrebbe anche semplicemente causata dallo stress (causa spesso sottovalutata e a volte nemmeno presa in considerazione). I cani sottoposti a stress emotivo possono infatti manifestare il loro disagio anche attraverso attacchi diarroici, anche ripetuti.

Occorre però prestare attenzione che la diarrea nel cane non sia accompagnata da altri fattori:

  • c’è sangue vivo nelle feci?
  • lo stato generale del cane è peggiore del solito?
  • il cane presenta altri sintomi?

In ciascuno di questi casi, contatta immediatamente il veterinario, poiché se per esempio il tuo cane è apatico, se presenta febbre o se c’è anche una piccola quantità di sangue vivo nelle feci, è bene farlo visitare quanto prima.

In ogni caso, anche in assenza di questi sintomi, se la diarrea persiste per più di 2 giorni il consiglio è di rivolgerti al tuo veterinario.

cane stanco e spossato e ammalato


RIMEDI CASALINGHI CONTRO LA DIARREA DEL CANE

Se invece il tuo cane ha presentato uno o due episodi di diarrea, ma non soffre di malattie croniche, si comporta normalmente, è vispo, gioca e continuerebbe a mangiare… ecco alcuni consigli e rimedi casalinghi che lo aiuteranno a riprendersi più velocemente e soprattutto ad evitare che la diarrea si ripresenti nel breve periodo.

Il primo passo importante è il digiuno.

“Per interrompere il ciclo di diarrea, c’è una strategia semplice: non mangiare! O almeno, mangiare il meno possibile”. Questa è una regola d’oro.

Successivamente, quando la diarrea sarà migliorata, si può iniziare ad introdurre una dieta leggera, che servirà ad evitare le recidive.

Ma vediamo meglio queste 2 fasi.

 

IL DIGIUNO CONTRO LA DIARREA NEL CANE

La maggior parte degli animali, quando hanno disturbi al sistema gastrointestinale, digiunano!

Se il tuo cane non sceglie volontariamente di digiunare, molto semplicemente smetti da dargli da mangiare.

Se non è sottopeso e se non è un cucciolo, il digiuno può durare anche 24 ore. Puoi comunque iniziare da 6 a 8 ore senza cibo (in sostanza fagli saltare un pasto) e, nel caso la diarrea sia migliorata, puoi iniziare ad offrire piccoli sorsi d’acqua ogni ora.

Dopo 6 ore di sola acqua, per evitare la disidratazione e la perdita di sostanze importanti come sodio e potassio, dai al tuo cane un brodo a base di verdure e carne oppure di ossa. Utilizza solo il brodo liquido e servilo a temperatura ambiente più volte al giorno durante il periodo di digiuno. L’importante è non dare alimenti solidi per le prime 24-48 ore.

 

LA DIETA IDEALE PER COMBATTERE LA DIARREA NEL CANE

Dopo il digiuno è consigliata una dieta blanda, al fine di rendere più agevole il passaggio alla sua dieta normale e prevenire così il ripetersi di episodi diarroici.

Inizia con piccole quantità di cibo ed aumentale gradualmente nei successivi 2-5 giorni.

Ecco qualche esempi di cosa gli puoi dare:

  • ZUPPA DI TACCHINO: metti un paio di cosce di tacchino in 1 litro d’acqua, aggiungi del sedano e mezza carota tagliati. Porta a ebollizione e cuoci a fuoco lento per 90/120 minuti. Rimuovi la pelle e le ossa e metti da parte la carne. Filtra il brodo e usalo per far bollire delle verdure a pezzetti (come carota, sedano, cavolfiore) per 20 minuti. Lascia raffreddare prima di servire. All’inizio puoi offrire solo il brodo o puoi fare piccole porzioni con carne, purè di verdure e brodo.
  • ZUPPA DI CAROTE: taglia a rondelle delle carote e mettile nella pentola con 1 litro di acqua e un pizzico di sale. Fai cuocere finché non si sono ben ammorbidite. Passale in un frullatore così da renderle cremose; in caso aggiungi l’acqua della cottura fino a formare una vellutata. La zuppa di carote combatte la disidratazione (in quanto contiene acqua) e fornisce numerosi elementi nutritivi importanti come potassio, sodio, magnesio, fosforo, zolfo e altri minerali che aiutano la flora intestinale.
  • ZUPPA DI ZUCCA: una volta eliminata la buccia, taglia la zucca a pezzi e segui il procedimento della zuppa di carote. La zucca contiene fibre in grado di assorbire i liquidi in eccesso e rassodare le feci.

due cani mangiano la zucca


CONSIGLI UTILI (E PRATICI)

Consiglio numero uno: vista la sua importanza, tieni sempre della zucca in freezer per le emergenze; puoi acquistare quelle surgelate e già tagliate a pezzetti. E lo stesso vale per le carote; puoi prendere quelle precotte, nelle buste sottovuoto, che spesso hanno una data di scadenza a lungo termine.

Un altro modo per risparmiare tempo ed avere già le zuppe pronte nel caso di diarrea è quello di cucinarle, metterle in piccoli contenitori monoporzione e conservarli nel congelatore.

Consiglio numero due: esistono anche altri nutrienti che abbiamo sempre in casa e che possono ulteriormente aiutare il tuo cane in caso di diarrea:

  • il succo di limone, per le sue ben note proprietà astringenti
  • il carbone attivo e la farina di carrube, straordinari addensanti delle feci
  • la camomilla, che ha un’azione calmante e lenitiva, soprattutto in caso di vomito

Come si usano? E’ molto semplice: ti basterà aggiungerne una piccola dose nella sua ciotola (o nell’acqua durante il digiuno delle prime 24 ore).

 

FARMACI E INTEGRATORI PER LA DIARREA NEL CANE

Quasi tutte le diarree comportano uno squilibrio nella flora intestinale, che quindi necessita di essere riequilibrata quanto prima.

Fondamentale importanza la rivestono i probiotici, che contribuiscono a ripopolare l’intestino con batteri sani, aiutano a mantenere in buono stato la barriera della mucosa e a migliorare la riparazione cellulare. Puoi acquistare un integratore probiotico di buona qualità in forma liquida, in polvere o in capsule, oppure puoi dare del semplice kefir non zuccherato o dello yogurt bianco intero (sempre non zuccherato).

Parimenti i portanti sono i prebiotici, alimenti non digeribili che “alimentano” i probiotici e aiutano a bilanciare l’intestino più rapidamente. Le fonti alimentari di prebiotici che puoi aggiungere alla dieta del tuo cane includono cavoli, tarassaco e polpa di barbabietola.

Infine è possibile utilizzare rimedi omeopatici e fitoterapici, molto utili soprattutto nel caso di diarree ricorrenti. In questo caso ti consigliamo di rivolgerti a veterinari esperti, come quelli specializzati in terapie naturali che puoi trovare sul nostro sito.

 

CONCLUSIONI

Come abbiamo visto, anche per combattere la diarrea, al pari di altre malattie, l’alimentazione riveste un ruolo fondamentale. Del resto, come ci ha insegnato Ippocrate, la buona alimentazione è la prima medicina.

E questo vale sempre, non solo in caso di malattie. E quando si parla di buona alimentazione per il cane, non si intende certo una dieta basate sulle crocchette e sul cibo industriale in generale, ma piuttosto su diete sane e naturali come la dieta casalinga o, meglio ancora, la dieta BARF.

 

Sei alla ricerca di prodotti per una DIETA BARF SEMPLICE?

Visita lo shop online!

Alla ricerca di prodotti per una DIETA BARF SEMPLICE?

Visita lo shop online!

× Bisogno di aiuto? Available from 09:30 to 19:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday